La strana storia di un vino che c'era e nessuno lo sapeva

Ripasso - idea

Il Valpolicella Ripasso è uno strano vino.

C'è chi lo definisce un baby Amarone, chi - più malignamente - un "Amarone dei poveri". Altri, al contrario, lo considerano un Valpolicella dei ricchi. E' comunque un vino controverso per tanti aspetti, eccetto quello dei numeri e della commercializzazione: nel 2011 il numero di bottiglie vendute nel mondo ha superato i 20 milioni di pezzi. Dal 2007, primo anno di rilevazione, al 2010, la sua produzione è infatti triplicata, ma la sua corsa non accenna a fermarsi: se si domanda a qualsiasi azienda della Valpolicella qual'è il vino che vende di più e meglio, vi risponderà che non è il tanto acclamato Amarone, ma il Ripasso.

Perchè? a cosa è dovuto questo clamoroso successo commerciale? Lo scopriranno gli amici che martedì 17 aprile alle 20 parteciperanno alla consueta cena con degustazione di Terroir Amarone, presso la Trattoria dalla Rosa Alda, a S.Giorgio di Valpolicella (VR). Quella sera verranno presentate alcune bottiglie di Valpolicella Ripasso di aziende e annate diverse, dal 2009 al... 1953.

Ebbene sì: nonostante il suo inserimento nel disciplinare di produzione dei vini della Valpolicella sia appena del 2010 - e la fascetta di Stato del 1 dicembre 2011 - il Valpolicella Ripasso è un vino che esiste da sempre, e tutti lo facevano.

Ma siccome nessuno lo chiamava così, nessun consumatore lo sapeva...

Le stranezze di questo vino non finiscono qui, ovviamente. Le scopriremo insieme, in quella che si presenta come una insolita degustazione... incrociata. Non una vera orizzontale, perché le annate dei vini saranno più di una, e nemmeno una vera verticale, perché i vini presentati saranno di aziende diverse. Sarà in ogni caso una serata interessante, nella quale vedremo di conoscere meglio la storia di questo strano vino, da sempre una tradizione della Valpolicella, che solo in tempi recentissimi è stato scoperto anche dal resto del mondo.

Qui potete leggere l'invito ufficiale alla serata del 17 aprile.